• instagram
  • facebook
  • linkedin
  • twitter

Storia di un torcetto (reale)

Questa è la storia di un biscotto nato quasi per caso nei primi anni del ‘900 ad Agliè, nel canavese, quando il pasticcere Francesco Pana ebbe l’idea di creare degli ovali dai ritagli avanzati dall’impasto dei suoi dolci e di passarli nello zucchero prima di cuocerli in forno. Il profumo sprigionato da queste delizie arrivò in poco tempo fino al Castello di Agliè (www.castellodiaglie.it , sette secoli di storia per la casa reale diventata nel 2004 set televisivo per la fortunata serie Elisa di Rivombrosa) e conquistò la Principessa Marina Bona di Savoia Genova, cosi Francesco Pana diventò fornitore di torcetti per la famiglia Reale dei Savoia con tanto di attestato ufficiale.

Farina, burro, acqua, zucchero sono gli ingredienti che sapientemente combinati hanno permesso a questi biscottini di ottenere nel tempo un ruolo d’onore non solo nel territorio piemontese ma in tutto il mondo. La ricetta segreta viene tramandata prima alla famiglia Alfonsi che nel 1960 rileva l’attività di Francesco Pana e successivamente, negli anni ’90, passa il testimone al nipote Aldo Bigi. Un successo inalterato nel tempo che diventa una questione di “famiglia”. Ad ereditare la passione del papà Aldo Bigi per la pasticceria sono le sue figlie Susan e Jessica che come lui amano avere “le mani nella farina”.

Una nuova generazione a guidare con orgoglio www.alfonsipasticceria.com, diventata il punto di riferimento per gli amanti del dolce tipico alladiese grazie all’attenzione per la qualità delle materie prime, al rispetto della tradizione ( ogni giorno vengono realizzati a mano oltre 45kg di torcetti) e alla voglia di guardare lontano.. Un sapiente mix di creatività e innovazione ha permesso alla vulcanica Susan di creare dolcetti e sapori inediti perché la voglia di sperimentare e incuriosire i clienti fa parte del dna della pasticceria Alfonsi. Nascono cosi, accanto alla versione classica, i torcetti alla canapa “glutin free”, i nodi sabaudi creati in occasione del rientro in Italia della Famiglia Reale dei Savoia che utilizzano l’impasto dei torcetti ma riprendono lo stemma a forma di otto simbolo della Casa Reale. I torcetti firmati Alfonsi hanno ispirato anche la nascita di una birra artigianale, la Dulcis Alladia, realizzata dal Birrificio Il Regno del Malto, un omaggio al territorio che evoca i profumi e gli aromi del famoso biscotto. Ad Agliè questi biscotti sono diventati una vera istituzione e a loro è dedicata la Sagra del Torcetto che quest’anno si svolgerà il 16 e 17 aprile, l’occasione perfetta per scoprire il territorio e per assaggiare eccellenze “made in canavese”. Per l’occasione la pasticceria Alfonsi sta elaborando una nuova specialità, un tributo al centenario del poeta alladiese Guido Gozzano con un biscotto a lui dedicato. Una dolce novità è in arrivo… e mentre fervono i preparativi per questa occasione sicuramente la mente di Susan sta già elaborando il passo successivo perché se nella pasticceria Alfonsi le mani sono da 50 anni nella farina lo sguardo è sempre rivolto al futuro.

Ci vediamo alla Sagra del Torcetto!

 

 

INSERISCI UN COMMENTO


otto + = 11